Argentina/1

Questa settimana partirò (partiremo) per l’Argentina. Ho fatto una promessa difficile da mantenere: scrivere questo blog….non ho ancora ben capito le ragioni di un blog: un diario in pubblico? Una maniera per tenere contatti con molti amici con più facilità? Davvero interessa a qualcuno sapere cosa penso io di un film o di un libro? Eppure ho fatto il giornalista per anni, forse lo faccio ancora, ho recensito libri, film e concerti e non mi sono mai chiesto se quanto scrivevo interessasse o meno (e non facevo il critico). E’ solo il ‘mezzo’ a determinare   la correttezza di un contenuto? Sul giornale andava bene e su un blog è meno comprensibile?

Non ho una risposta. Mi tengo la vanità di uno scrivere pubblico. Dovrebbe essere il mio mestiere, vorrei che fosse ancora il mio mestiere. Ma è probabile che vada in Argentina proprio perché questo mestiere, nel mio caso, si è incriccato. Ho due mesi davanti a me e li passerò dall’altra parte dell’oceano. Dopo mille anni, faccio un viaggio che non ha committenti, che non ha un progetto, che non ha un alibi. O meglio, l’alibi c’è ed è importante. Molto. Il compleanno di un amico che non vedo da trent’anni. Il sessantesimo compleanno. Un giorno importante. ‘Come i diciotto’, mi disse un ragazzo argentino. Ma so che Lucio non vuole che sia fatta festa. Io vado in Argentina per questa fragile e potente ragione.

Non ho ancora aperto una sola pagina di una guida. Sto leggendo un vecchio libro di Roberto Arlt. Lo volevo fare molti anni fa e i libri sono sempre rimasti fra ‘quelli da leggere’. Ora ho aperto le prime pagine. Andare in Argentina perché c’è Roberto Arlt da leggere? Questo è meno ragionevole.

Ho tenuto un blog al tempo di un lavoro fra Palestina e Israele. Ma allora attorno a me ne succedevano di cose. Non sono riuscito a scrivere mentre mi trovavo in Bosnia la scorsa primavera. Molti appunti, pochi blog che nessuno ha letto. E ora? Mantengo la prima promessa, scrivere il primo giorno della settimana nella quale, senza uno scopo, parto per l’Argentina.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.