Cerimonie del mattino a Purmamarca

Don Jerez

‘La nuova divinità è il peso. E’ come se fosse tatuato sulla nostra fronte. In dieci anni, è cambiato il mondo nel nostro villaggio. Prima avevamo tempo, eravamo agricoltori, non eravamo poveri, ci salutavamo e ci conoscevamo tutti. Ora è arrivato il turismo e nessuno ha più tempo. Pensiamo solo ai pesos’. Bisogna sapere che don Jerez, 45 anni, una viso colla, la gente di queste montagne, eredi di incroci fra inca e popoli della Quebrada, possiede uno dei negozi più belli di Purmamarca. In un angolo strategico. Là dove fermano i pulmini dei turisti. Che, dalle dieci del mattino, invadono a plotoni affiancati le poche strade del villaggio della Montagna dei Sette Colori. Anni fa, l’Unesco dichiarò questa valle Patrimonio dell’Umanità, un paesaggio culturale, e il vento cambiò in questa quebrada. La svalutazione del peso nei primi anni del nuovo millennio ha fatto il resto. Sono arrivati, a plotoni affiancati, i turisti.
‘I soldi non danno la felicità, ma calmano i nervi’, dice don Jerez. A sera, trova il tempo per parlare. Al mattino è inavvicinabile. ‘Quando ho bisogno di pace, vado a Jujuy. In città’, spiega ancora. Ecco, il mondo ribaltato:i turisti arrivano a Purmamarca in cerca di tranquillità, gli abitanti di questo villaggio andino vanno in città per non aver pensieri.
‘Il turismo e la ricchezza sono arrivati improvvisi. E ancora non si sa bene cosa fare con il denaro. Gli uomini si comprano macchine sempre più grandi’, mi dice una giovane sociologa che è venuta a vivere qui.
Montare e smontare carretti di tappeti, bamboline, maglioni pesanti, sciarpe, guanti è la cerimonia del mattino e della sera. Le donne (sono loro le commerciati della piazza) arrivano con lentezza un paio d’ore prima del primo turista.. Spingono carretti di ferro, si aiutano a montare la bancarella. Una musica andina vola per l’aria. Nuovo rito del paese. ‘Me compra una pulsera?’: sono il solo straniero a quest’ora del mattino. Non si può perdere un solo cliente. La merce arriva dal Perù, sono già apparsi le prime statuette made in China. ‘Nessuno ci comprerebbe i mantelli che tessiamo a mano – mi dice una donna mentre a capo chino ripiega l’ennesimo maglione con la lampo – Ci vogliono giorni per tesserli. Costano troppo cari per i turisti. A loro preme solo comprare. Non importa cosa’.
Eppure c’è un’aria strana a Purmamarca. C’è il tempo dei turisti (dalle dieci del mattino fino al tramonto) e il tempo della pace. Il rituale dei carretti ha sostituito i saluti fra i contadini. Ma, ai miei occhi, il legame di una società silenziosa appare ancora resistente. Cosa faranno i figli di queste donne? Oramai tutto il centro del villaggio è occupato da negozi, bancarelle e hostal…..
Al mattino, prima ancora dei carretti delle donne, si muove un piccolo popolo. Le ragazze che lavorano negli alberghi e negli hostal arrivano dai paesi vicini, non benedetti dal turismo. I ragazzi vanno a fare i muratori per gli imprenditori di Salta o di Buenos Aires che costruiscono nuovi hotel di lusso. I bambini (tre, quattro per motoretta) vanno verso la scuola. Tutti con il sacchettino della comida in mano.
Purmamaraca, 21 ottobre
print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.