Etiopia/Ahmed Ela, il pozzo di Ahmed

Le novità fra i geycers di Dallol

Ritorno in Dancalia. Nella stagione ‘sbagliata’. Il caldo brucia l’aria. 48 gradi al sole, segna il mio termometro. Un vento da forno arroventa l’aria. Non puoi toccarti la pelle. Perchè scotta la mano. Non c’è nessuno ad Ahmed Ela, il villaggio dei cavatori del sale e delle carovane. Nemmeno un cammello. Nemmeno un cavatore. Solo i militari. i minatori delle compagnie canadesi e indiane in cerca del potassio e una settantina di afar. ‘Le compagnie non aiutano il villaggio’, mi dici Abdallah. Hanno assunto quaranta persone e poi sono indifferenti alla nostra sorte. I frigoriferi dei militari non funzionano. La Allana Potash, la multinazionale canadese, ogni giorno consuma tutta la Coca-Cola. Al bar dei militari si guarda Harry Potter. Un soldato apre una birra calda con i denti. Hanno montato un’altissima antenna per telefonia mobile. Alla periferia della Dancalia. Mi piace essere in questa strana solitudine.
Vi racconto cos’è Ahmed Ela

Ahmed Ela a settembre


Le capanne di Ahmed Ela si confondono con i sassi grigi, con il sipario delle montagne, con le ombre del pomeriggio. E’ invisibile questo villaggio. Sembra sorgere dalle pietre. Ne ha lo stesso colore. Un non-colore. Grigio su grigio. Nebbia su nebbia. Le capanne di Ahmed Ela sono costruite con legni recuperati dal letto dei wadi. Sono coni scomposti e perfetti. E’ un irriconosciuto capolavoro di land-art, questo villaggio. Cercate un ecovillaggio senza compromessi? Eccolo, è qui, la vostra ricerca è finita, ci state arrivando. E’ stato tirato su con i materiali che generazioni di uomini del sale hanno trovato nella polvere, nella sabbia, nella lava. Le donne hanno intrecciato le stuoie delle burra. I bambini hanno selezionato i legni più dritti fra i rami contorti delle acacie e li hanno trasportati sulle spalle fino alla loro futura casa. Non c’è un solo albero attorno ad Ahmed Ela. Nemmeno uno stentato filo d’erba. Non si può coltivare niente di niente. Questo luogo è oltre l’aridità. Ma gli afar hanno spostato massi su massi. Hanno perfino tracciato una parvenza di urbanistica. Nel loro vagabondare, hanno trovato corde, stracci, plastiche, lamiere. I wadi, dall’altopiano,hanno trascinato nella depressione detriti, rifiuti, rottami. Sono eccellenti materiali da costruzione. E, così, come un improvviso cespuglio di piante del deserto, è nato Ahmed Ela. Forse più che invisibile, questo è un luogo mimetico: nemmeno i satelliti di GoogleEarth riescono a scovarlo negli spazi vuoti fra gli ultimi canyon dell’altopiano e la Piana del Sale. Gli uomini di queste terre sanno di essere parte della natura e, allora, si camuffano da arbusto, da pietra, da sasso. 
Ha cambiato spesso geografia, questo villaggio. Ha subito la forza della natura e la violenza degli uomini. E’ stato sempre un impossibile rifugio, Ahmed Ela. Nesbitt, esploratore italiano degli anni ’20 del secolo scorso, qui, non trovò che pochi, provvisori ripari e nessuno osò dirgli che avevano un nome. Ahmed era sicuramente nomade e il suo villaggio (Ahmed Ela, il pozzo di Ahmed) non poteva che essere mobile. Ma, forse, ora è cresciuto troppo per un nuovo trasferimento: Ahmed, dagli anni ’80, anni terribili in queste terre, è diventato sedentario e qui si trova bene. Questo è il suo pozzo. Un pozzo generoso. La sua acqua è perenne, non conosce disseccamenti. Merito del Saba river.  Ahmed Ela è nato sulla sponda di una conca dove le acque di questo fiume carsico si raccolgono in un grande deposito sotterraneo. Assurdo per assurdo, questo è un paese rivierasco.

Ahmed Ela, 19 settembre
print

2 pensieri riguardo “Etiopia/Ahmed Ela, il pozzo di Ahmed

  • 17 Febbraio 2021 in 21:34
    Permalink

    Buona sera sig. Andrea,
    ho trovato questa pagina mentre cercavo il nome del percorso sul fiume (wadi) che fanno i portatori di sale con cammelli dalla piana del sale al paese di stoccaggio,.
    Ho visto la foto sua e mi sono ricordato che sull’Erta Hale abbiamo scambiato qualche parola e mi sono ricordato del suo libro Dancalia, forse è stato la molla più importante per decidermi fare quel bel viaggio
    Del dialogo faceva parte anche la mia lamentela della fatica dovuta alla mia età avanzata e lei gentilmente mia ha rassicurato dicendo che anche lei nonostante l’età avanzata non aveva grossi problemi, però ho scoperto che è più giovani di me di qualche anno! Seguirò ora ciò che troverò sul suo operato, mi può mandare qualche informazione.
    La ringrazio per l’attenzione e le porgo cordiali saluti, Roberto

    Rispondi
    • 20 Febbraio 2021 in 16:09
      Permalink

      gentile, Roberto…a volte penso che le strade del web seguano percorsi a noi misteriosi. Non so se leggerà questo massaggio, non ho idea di dove finiscano. Lei mi ricorda storie antiche, irripetibili. Ma sono felice se, nel tempo, l’ho incoraggiata a percorrere i cammini verso l’erta ale. Adesso quelle terre sono ferite. Le lascio il mio telefono: 338.8887493 (appartengo al passato), magari mi racconterà dove ci siamo conosciuti. Le mando questo messaggio anche alla sua mail. Grazie.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.