Pallottoliere sulle sponde del Nilo

Mohamad Morsy (da ilfoglio.it)

Pallottoliere sulle sponde del Nilo.

Metto in fila solo notizie (trafiletti che riempiono le pagine, in realtà) apparse sui giornali.
L’undici di agosto, il presidente egiziano Mohamad Morsy, uomo dei Fratelli Musulmani, riceve l’Emiro del Qatar Hamad bin Khalifa al-Thani. Il nuovo, vero protagonista degli equilibri mediorientali e mediterranei, un musulmano wahabita, se ne va dopo aver promesso di lasciare nei forzieri della Banca Centrale egiziana due miliardi di dollari. ‘Per rafforzare l’economia’, spiega l’Emiro.
I qatarini non devono mai riposare: i banchieri della Qatar National Bank stanno trattando l’acquisto della filiale egiziana della Sociètè Generale francese, seconda banca privata del Cairo. Comprarla tutta costa 2,8 miliardi di dollari. Doha ne vuole appena il 77%.
A fine agosto, l’instancabile Morsy vola a Pechino con ottanta uomini di affari. Se ne torna a casa con un’altra promessa. La Cina investirà tre miliardi di dollari nei prossimi due anni in business egiziani.
Gli Stati Uniti, alleati storici e privilegiati dell’Egitto, si prendono paura. Si affrettano a promettere la cancellazione di un debito per un miliardo di dollari. Come parte di un pacchetto di aiuti ‘per rafforzare la democrazia’ (sono meno diretti dei qatarini). In più Washington preme sul Fondo Monetario Internazionale perché acceleri le pratiche per aprire un credito da 4,8 miliardi di dollari al governo dei Fratelli Musulmani (altre fonti dicono che i miliardi sono 3,2).
I sauditi ci fanno la figura dei parenti poveri. A giugno si erano limitati a versare nelle casseforti egiziane appena 430 milioni di dollari.
Non voglio fare le somme. E’ che questo accade in un paese dove solo il 10% della popolazione ha un conto corrente.
Matera, 5 settembre

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.