Accettura/’Non è successo niente’

Nel giorno di Corpus Domini, ad Accettura, paese delle Dolomiti Lucane, cade l’albero della Grande Festa. Finisce uno dei più straordinari riti arborei del Sud italiano cominciato, poco dopo Pasqua, con la scelta del Maggio

Al mattino del Corpus Domini. Dalla finestra della canonica
Al mattino del Corpus Domini. Dalla finestra della canonica

 

Mi piace come gli uomini del Maggio, al mattino, si avvicinano all’albero che ancora vola verso il cielo ad Accettura. Sono passati dieci giorni dalla Pentecoste. Allora l’albero fu innalzato e scalato in una delle più belle feste del Sud italiano. Ora è tempo che il Masc’ torni al suolo, ritorni a essere legno. La festa è davvero finita. I ragazzi, in questa domenica del Corpus Domini, non ci sono. Il loro giorno è quando hanno traportato la Cima dai boschi di Gallipoli fino in paese. Oggi lasciano soli gli uomini del Maggio. Ci sono i ragazzini, invece, appena usciti dall’infanzia. La Cima, l’agrifoglio, ora sta a trenta metri dal suolo. Le sue foglie sono già secche. E’ tempo che cada.

Andrea_Semplici140622_00007
La messa
Andrea_Semplici140622_00022
L’albero, gli uomini e le donne, la messa
Andrea_Semplici140622_00019
Don Pinuccio

 

Messa sullo slargo di San Vito. Messa all’aperto. Il sole già scalda alle otto del mattino. Si cerca riparo nell’ombra. Una donna fiorata canta a fianco dell’altare.

Andrea_Semplici140622_00025
Attorno all’albero
Andrea_Semplici140622_00029-2
Si comincia
Andrea_Semplici140622_00029
Centro e trenta anni

 

Poi gli uomini scendono i gradoni dell’anfiteatro dove il Maggio ancora si ostina a stare in piedi. Girano attorno all’albero. Hanno movimenti lenti. Quasi circospetti. Come se nemmeno loro volessero abbattere quel cerro unito all’agrifoglio. Ma questa storia va fatta. E allora facciamola. Il lavoro ha le sue ripetizioni: ci sono, ancora una volta, da togliere le pietre. ‘Ne hanno visto di sudore, queste pietre’, mi aveva detto Ruggero. Le pietre sono il cemento che sorregge l’albero. Si comincia. Tutto acquista un ritmo. Arriva un maggiaiolo dalle campagne. Ha le mani sporche di terra e la fatica addosso: ‘Sono stato a zappare i pomodori’. E si mette subito a togliere pietre.

Andrea_Semplici140622_00016
Gli uomini e l’albero
Andrea_Semplici140622_00022-2
Cominciamo?
Andrea_Semplici140622_00033-2
Togliere le pietre

 

Andrea_Semplici140622_00037-2
Togliere le pietre
Andrea_Semplici140622_00032
I cordini

 

Appare lo str’ngon, il segone. La grande sega. Vecchi tempi. Apparteneva alla famiglia di don Pinuccio. Appaiono gli scalatori. Hanno visto le funi e tutti e quattro scendono con lentezza, le braccia lungo il corpo, serissimi. Ma salirà solo Antonio. E questa volta lo fa con naturalezza e il suo sorriso tranquillo. La maglietta bianca ne stringe i muscoli. Sale in cielo come se fosse una normale passeggiata. Corda, piede, nodo, braccia. Un metro dopo l’altro. Manovra complicata. Da nuoto aereo sincronizzato. Antonio deve annodare la grande corda che tirerà giù l’albero. Niente motoseghe. Si taglia con la grande sega in ferro, dai denti da pescecane. Poi si lavora di accetta. Si fa l’invito: non so descriverlo, si cava via il legno nella direzione in cui l’albero deve cadere. Il Maggio può andare giù solo da una direzione. Dall’altra ci sono le case. Gli uomini già segano e Antonio è ancora per aria. Ha legato la corda e ora scende, come un funambolo, appeso al cielo. Acrobazie, dondolii, il tempo dell’ultimo divertimento. Un’altalena sopra Accettura. Che la fine della festa, sia leggerezza.

Andrea_Semplici140622_00047
Antonio sale
Andrea_Semplici140622_00043-2
Il segone
Andrea_Semplici140622_00052
Antonio sale
Andrea_Semplici140622_00053
Antonio scende
Andrea_Semplici140622_00056
Antonio sale
Andrea_Semplici140622_00069-2
Antonio scende

 

Antonio è a terra, gli ultimi colpi di scure, gli uomini tirano dalla piazza. L’albero non ci pensa su. Viene giù come un ciclope. Rimbalza con forza. Vibra il paese. La Cima, l’agrifoglio è quasi in strada. Polvere di foglie. La gente si getta sui rami e sulle foglie. Un ricordo. Un talismano. Un frammento di devozione. Un oggetto beneaugurante. Una donna anziana, in nero, dice: ‘Mio marito andava sempre nei boschi. Ora metto accanto alla sua foto la foglia’. E la stringe in mano. Una ragazzina compie lo stesso rito, crea il suo ricordo. Si chiama Giuliana, ha il nome del Santo. Le generazioni del paese si saldano nell’ultimo atto della festa. Sono appena le nove e trenta. 

Andrea_Semplici140622_00087-2
La caduta (ed ero controsole)

 

E’ finita? Ora tutto deve tornare normale. Ci sono ancora ore di lavoro. Da togliere il ceppo dell’albero, da far venire giù le crocce-paranchi, da rimettere i sassi, da spazzar via segature, da portare via i legni per l’asta, da sistemare le corde, da rimettere tutto a posto. Legni, arnesi e funi devono essere già pronte per l’anno prossimo. Mimmo, scarplegger (è sempre stato uno che andava veloce), è il maestro delle corde. Le sistema con cura da marinaio nel magazzino. E’ un archivista di funi. Le corde vengono dal porto di Napoli. Le sue attenzioni permettono che non si rovinino. Mi racconta: ‘Sono salito anch’io. Nel 1969. E senza funi. A coscia’. Il Maggio è importante per la gente di Accettura. E le corde sono tutto: danno equilibrio all’albero e lo tirano su. Poi ne guidano la caduta. I maggiaioli cercano di spiegarmi i segreti. Non trovano le parole. Sanno di fisica, di gravità, di meccanica, ma il loro computer sono le mani che torcono e ruotano per spiegarmi le spinte, le giravolte, i rischi, le rotazioni, gli scivolamenti degli alberi. Mi dicono del pericolo di questo mestiere. E delle difficoltà di cui, noi spettatori, non ci accorgiamo.

Andrea_Semplici140622_00078
Giuliana
Andrea_Semplici140622_00090
La Cima come ricordo
Andrea_Semplici140622_00101-2
I ragazzini
Andrea_Semplici140622_00109
Le donne anziane
Andrea_Semplici140622_00073
Il rametto come ricordo e devozione

 

Cadono le due crocce e i bambini si precipitano sui listelli. Nuove generazione per le feste fra venti anni.

Andrea_Semplici140622_00035
Mimmo, il maestro delle corde
Andrea_Semplici140622_00102
Mimmo, il maestro delle corde
Andrea_Semplici140622_00168
La caduta della prima croccia
Andrea_Semplici140622_00159
Tirare la croccia
Andrea_Semplici140622_00134
Togliere i listelli
Andrea_Semplici140622_00141
Togliere i listelli
Andrea_Semplici140622_00121
I ragazzi. La festa fra cinquant’anni
Andrea_Semplici140622_00124
La caduta della croccia

Le magliette dei ragazzi della Cima sono biancheria appesa ai fili. Quest’anno sono state premiate.

Le magliette della Cima
Le magliette della Cima

 

 

Le pietre ora devono essere sistemate con cura. Pasquale mi dice: ‘Smetti di guardare, lavora’. Bisogna tirar su le pietre piatte. Le altre, quelle tondeggianti, ‘scappano via’. Bisogna chiudere una sorta di muraglia a sigillare la fossa da dietro. Sudore sotto il caldo da estate. C’è da rimettere i bandoni. Convincerli, con le buone o le cattive, a incastrarsi uno nell’altro. Ultimo bang, sbarabang, urlo di metallo. Un salto a piedi uniti per l’ultima chiusura. Si toglie la scala. Si rimette a posto la ringhiera della piazza. Si chiude la porta del magazzino. Tutto come era prima della domenica di Pentecoste. ‘Servizio compiuto’, dice Franchino. E ora?

 

‘Non è successo niente’.

 

Al magazzino, hanno cucinato la pasta e la pecora. Ci sono i dolci e il cocomero. C’è il vecchio Virgilio che un tempo era forte. Non c’è nemmeno una donna (una c’è, ma ha dato mano con i pentoloni, non si è mai seduta), pranzo per soli uomini. Ci sono due ragazzini eccitati di essere fra i grandi: ‘Fra dieci anni saliranno il Maggio’. C’è chi si sposerà questa estate ed è andato a provarsi il vestito. C’è chi si scambia promesse per l’estate: andare a mangiare il pesce al 48, là a Pisticci. E chi alla fine: ‘Andiamo a prendere il caffè e l’amaro?’. Ed è già tempo di nostalgie e impegni per il prossimo anno. Sono matti ad Accettura. Siamo matti.

Accettura, domenica del Corpus Domini, 22 di giugno, Lucania, montagne del Sud-Est italiano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

print

4 pensieri riguardo “Accettura/’Non è successo niente’

    • 24 Giugno 2014 in 16:19
      Permalink

      Già, la Storia. Piccola storia, capace di essere grande.

      Risposta
  • 25 Giugno 2014 in 1:25
    Permalink

    Non so se avremo mai un’altra occasione per entrare in un rito arboreo. Siamo partiti da Matera quando il sole era già alto e abbiamo pensato a voi al bivio per Accettura. Grazie per le foto e per il reportage, mi sa che rileggerò il Ramo d’oro quest’estate.
    Buona notte di San Giovanni!

    Risposta
    • 25 Giugno 2014 in 18:52
      Permalink

      Che sorpresa, Simona. Cercherò di non perdervi, voi fate altrettante. Troppe coincidenze. E quel/questo Messico…e davvero ho sempre sperato di saperne di più di antropologie…dovrete aiutarmi. Fra Matera, Messinca, Oaxaca e le terre di Firenze/Siena.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.