Il libraio di Istanbul

Il libraio di Istanbul
Il libraio di Istanbul

Non so dirvi niente di lui. Il libraio parlava solo turco. E io lingue inutili per capirsi. Ci sono delle cartoline sullo stipite di una porta nella discesa di Galata, quartiere dell’antico centro. Cartoline vecchie e io amo le cartoline. Ne prendo dieci. Ma non c’è il negozio.

Camus
Camus

Entro in una casa, corridoio strettissimo, scale si avvitano su loro stesse, due stanzette di libri pigiati uno sull’altro. Una pila di National Geographic e un Camus in turco. E lui: coppola in testa, silenzioso, baffi bianchi. Due vecchie macchine da scrivere, un giradischi, un armadietto con macchine fotografiche di un’altra vita, l’affollamento della carta. Jerry Lewis con una Olympus. E poi Charlie Chaplin con una bandiera rossa.

L'Olympus
L’Olympus

Sto lì, in silenzio. Il libraio mette le cartoline in una busta. E io non vorrei andare via.

Charlot e il libraio
Charlot e il libraio
print

Un pensiero riguardo “Il libraio di Istanbul

  • 12 Aprile 2015 in 4:18
    Permalink

    Sono stata alcuni anni fa ad istanbul. Leggedola qui l’ho ritrovata. Bellissimo constributo. Sento l’odore di quei libri, lo sguardo del libraio, il senso di piacevole smarrimento che hai provato. Grazie per avermi fatto ricordare questa cittá.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.