Gente di Aliano, gente ad Aliano/Il canto di Caterina

Caterina
Caterina
Caterina
Caterina

Sempre da una nostalgia/si parte per arrivare/al canto/Il canto è della lontananza/Il canto è della partenza/il canto è della nostalgia

Caterina
Caterina
Caterina
Caterina

Ho visto danzare Caterina sulle pietre di Aliano. Piedi scalzi, un fazzoletto bianco in mano. Allora, la foto si scattò da sola. Era vestito di nero.

Caterina
Caterina
Caterina
Caterina

A sa boccuccia le belli parole/‘nmienz’a su fronti ‘na stella lucenta

Caterina
Caterina

Caterina

Ho visto Caterina apparire…no, ho sentito la sua voce apparire dall’altura di un calanco. Un canto nella solitudine, per un giorno affollata, di Aliano. Era vestito di rosso.

Oi amore, amore, amore che fatt’innanzia/E amore amore che aggie fatta danna

Caterina
Caterina
Caterina
Caterina

Ho visto Caterina insegnare canto e poi apprendere canzoni dalle cuoche del paese. L’ho vista intrecciarsi in capelli e camminare alla testa di un corteo notturno verso la tomba di Carlo Levi.

‘E’un antico canto lucano per la raccolta delle olive…l’ho trovato tra le radici di un ulivo saraceno…non mi credete?’

Caterina
Caterina
Caterina
Caterina

Ho visto Caterina nell’officina di suo padre. Ha un padre carrozziere. Che costruisce anche mosche da pesca. E’ una delle officine più straordinarie della Terra.

Fronni d’alia attaccati li triccia/Ca lu tuo padri t’adda a marita’

Caterina
Caterina
Caterina
Caterina

Devo ritrovare queste foto.

Oh figghjio oh figghio/cume voglio fa oi figghjo ohi figghjo ohi figghjio/ohi cume vogghje fa ohi figghje/ohi senza di te ohi figghje ohi figghje

Caterina
Caterina

Quest’anno ha dovuto sistemarsi un microfono quasi davanti alla bocca. Era preoccupata per le mie foto. Non so ancora come fotografare le voce di Caterina. Era vestito di bianco.

‘ssatela ballà ue’ lassatela abballa nu’/uè lassatella abballa’ nu la facite ‘ncujata’/‘ssatela abballa’ nu’ la facite ‘ncujata’

Caterina
Caterina

E allora mi sono fatto dare i testi delle canzoni.

Aggi venuti da lunga via/A veni a truva’ a Maria/E Maria l’aggia truvata/e la vergine incorunata/

Madonna mei quanto sei bella/Scioglitilla sti belli capelli/E so ricci a nella a nella/Madona mei quanto sei bella

print

2 pensieri riguardo “Gente di Aliano, gente ad Aliano/Il canto di Caterina

  • 4 Ottobre 2015 in 13:36
    Permalink

    Carissimo Andrea, i fotografi come te sono rari e preziosi. Questo tuo racconto per foto e parole della mia voce è quanto di più bello potessi immaginare. E’ a sua volta un canto di straordinaria potenza. Scrivi che non sei riuscito ancora a fotografare la mia voce. Non credo, ci sei riuscito eccome, se vedendo queste immagini pare quasi di sentirla quella sfumatura dolce, oppure il graffio, o il dolore che scaturito dall’anima cerca di trovare un suo spazio nella gola e fa vibrare le corde nell’ intero corpo che si fa melodia. Pare di prestare orecchio a tutti i i sentimenti dell’ animo umano che trovano espressione nel cantare, prerogativa umanissima. L’ avverto come un miracolo, questa speciale condizione umana del poter cantare, come un elemento della natura pari all’ acqua, al fuoco, alle vastità del cielo e delle stelle, un elemento vivo come tutte le creature che abitano la terra. Nelle mie elucubrazioni più sfrenate penso che l’ universo stesso sia melodia. Che Dio sia melodia. Grazie. Caterina

    Risposta
    • 10 Ottobre 2015 in 22:55
      Permalink

      Un abbraccio forte, Caterina…non avevo letto, ti ringrazio, ci ritroveremo..

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.