Gente di Aliano, Gente ad Aliano/’Un giorno i bambini di Partinico…’

Giuseppe Semeraro
Giuseppe Semeraro

Un giorno i bambini di Partinico hanno chiesto a Danilo cosa sono le stelle e perché se ne stanno ferme, immobili, nel cielo….

E’ tempo di tornare ad Aliano. Uno sbalzo. Vi sono luoghi che rimangono dentro. Da qualche parte. E’ inverno, ora ad Aliano e come saranno le occhiaie di Ottavio con il freddo? Quale è il colore di inverno dei calanchi di Aliano. E la donna-calanco di Deni e dei suoi amici? Qualcuno l’avrà riposta in una casa? Non troppo vicina al fuoco. Strane domande dagli altopiani di Addis Abeba. Il bisogno improvviso di una interruzione. Fa freddo al mattino, il guardiano è in piedi, cerca di afferrare il sole per riscaldarsi dalla notte.

Giuseppe Semeraro

 

Se l’occhio non si esercita… non vede

Se la pelle non tocca….non sa

Se l’uomo non immagina…. si spegne

Giuseppe Semeraro

Non capirete. Questo è un dono. Di Danilo Dolci. E di Zi Mbrogi. Di Giuseppe Semeraro, poeta e attore della Puglia. Che legge i suoi versi seduto su una balla di paglia, che lascia poesie in giro, che regala poesie. E quella notte di Aliano ci donò la storia di Danilo e di Zi Mbrogi.

Mi chiamo Danilo Dolci, sono figlio di Enrico Dolci e Meli Kontelj sono nato il 28 giugno 1924, a Sesana in provincia di Trieste

Sono un poeta

 

Come mi chiamo? ….

Gallo Ambrogio….

Ma qua in paese tutti quanti mi chiamano Zi Mbrogi perché ho un sacco di fratellini piccoli e faccio da zio a tutti….

Giuseppe Semeraro

 

Mi viene in mente, mi viene sempre in mente: ‘Eravamo felici a parte la follia di ucciderci l’un con l’altro per motivi irrilevanti…’. Non mi lascerà mai questa frase. Nella sua contrapposizione, nella sua straordinaria e inaccettabile verità. L’ho chiara. Non so spiegarla. So che mi emoziona. L’ha scritta Sandro Atzeni.

 Ci diciamo cose… ci parliamo l’uno con l’altro … Poi ci ammazziamo l’uno con l’altro… e qualcuno finisce al cimitero ….e qualcuno finisce in galera….

Giuseppe Semeraro

 

Le storie hanno la loro somiglianza. Mi guardo attorno per le strade di Addis Abeba. Ascolto le discussioni, le chiacchiere. Che altro possiamo fare? Prendo il caffè con un uomo del quale non conosco la lingua. Aspettiamo che l’acqua si scaldi su un fornelletto elettrico. Non possiamo dirci nulla. Cosa pensa, lui? Cosa posso fare? Cammino.

Ho calcolato che questa gente nel giro di pochi anni aveva totalizzato 250 anni di scuola a fronte di 3.000 anni di carcere… e ho capito una cosa…

Giuseppe Semeraro

 

Ma forse con quest’uomo, il silenzio, l’imbarazzo del silenzio, mentre sediamo accanto e l’acqua non vuole bollire, la caffettiera è tenuta in equilibrio da alcune pietre che si arroventano. Non so raccontarvelo. Non è niente.

Se tu muori poi tutti digiuniamo….

Che tu qui da solo non ci devi morire

Tu qui da solo non ci devi morire …eh danì…

Da solo non ci devi morire

Giuseppe Semeraro

 

La fame…ci sono i numeri: quattro milioni di persone a rischio…le piogge hanno smarrito i loro ritmi, un raccolto perduto, la fame in città, la fame.

L’unica forma di protesta che ci rimane…

È la nostra fame…

Giuseppe Semeraro

 

Bach è un cantante inglese. Mi annoto: ascoltare Bach, lo segno come impegno per l’anno prossimo, ho un taccuino colmo di impegni. Li dimentico. Sempre. Sarà vero che Bach non fa sentire la fatica? Danilo pesava cento chili, come è difficile arrestarlo. Bach, dove sono stato finora. E se mettessi Bach ad Addis Abeba?mmmmmm…che colore ha la mia pelle?

 Portiamo anche la musica di bach…

Per non sentire la fatica…

Così ci stanno portando… come santi in processione…”

E dopo quelli ci hanno portati in caserma … ci hanno arrestati… e ci hanno fatto il processo…

Giuseppe Semeraro

 

Cosa è felicità per un afar? Per un uomo che sta seduto a un lato della strada? Per un zabagnà nel suo silenzio? Per un uomo-barella che deve fare la guarda a un cantiere e ha uno spazio per mezzo metro per due per dormire? Cosa è ‘importante’?

 Noi quel giorno eravamo felici

Ci avete fatto arrestare perché noi eravamo felici!!!!!…

Voi soffrite quando noi siamo felici…

Voi soffrite quando noi siamo felici!!!!…

Giuseppe Semeraro
E’ lo sguardo di quella ragazza

Abbiamo vinto o abbiamo perso?

 Abbiamo vinto o abbiamo perso?

Ahh… Abbiamo perso…

Son tornate le anatre Danì …

Son tornate le anatre

Giuseppe Semeraro

 

Adesso esco, vado a vedere se davvero le anatre sono tornate.

Sulla piccola spiaggia del lago, un po’ fangosa, c’è Giuseppe Semeraro: mi indica un gruppetto di anatre, alcune infilano il capo sott’acqua e pescano.

 

 

 

 

 

 

 

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.