Viaggio in Dancalia/Fatima

Fatima
Fatima, la foto, i bambini, la madre

Uso un trucco. Mostro una foto a una donna e lei grida. Perfino la vecchia che voleva cacciarmi, adesso è incuriosita. La donna si alza, continua a gridare e indica: ‘Di là’. Scivolo fra le donne sedute a vendere granaglia. Ho il grande albero come riferimento. Mi faccio largo.

Fatima frigge frittelle al mercato di Sembete, paese oromo degli altopiani etiopici. E’ giovane. Bella. Ha occhi che vogliono guardare il mondo. Sua madre è sempre con lei. Vengono da un villaggio delle campagne. Portano con sé una grande teglia profondo, olio di semi di girasole, farina e acqua nella jerica di plastica gialla. Friggono tutto il giorno. Preparano il tè. Il suo spazio, al mercato della domenica, è a poco distanza da un grande e vecchio eucalipto. Vicino al fiume. Girate un po’ da quelle parti e alla fine troverete. Altrimenti dite il suo nome. Io avevo una foto e un ragazzino, facendo lo slalom fra cento donne accucciate davanti ai loro prodotti (ceci, semi oleosi, lenticchie…), mi ha portato fin da Fatima.

Potete usare questa foto, se volete. Le frittelle di Fatima sono eccellenti. 

Hanno maltratto le foto, se le sono passate di mano in mano, hanno riso, finalmente le hanno infilate dentro una scatola di cartone. Sono diventate serie.

Fatima aveva finito le frittelle, questa volta. Peccato. Ma una, fredda, è saltata fuori da sotto un panno e me l’ha offerta. Alla fine, la mamma di Fatima ha detto: ‘Sei della famiglia’.

C’è qualcosa che non vi dico.

print

3 pensieri riguardo “Viaggio in Dancalia/Fatima

  • 16 Gennaio 2017 in 12:05
    Permalink

    MI sono un po’ mancati questi racconti dell Etiopia e Dancalia, anche i precedenti. Bellissimi

    Grazie

    Risposta
    • 17 Gennaio 2017 in 20:26
      Permalink

      Grazie a te, quest’anno racconto poco. Ma qualcosa ogni giorno, giusto per una traccia.

      Risposta
      • 19 Gennaio 2017 in 17:54
        Permalink

        Sai come dicono.. pochi ma buoni 🙂

        Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.