Lucania coast-to-coast/La tappa immobile, il bosco di Policoro

Non reggerò questo ritmo, nemmeno il primo giorno. Ventitré e venticinque, devo dormire. Tutti già dormono. Non ha senso scrivere.

Santuario di Santa Maria Regina d’Anglona
Suor Anita

Casa di Vito y Juliana. Policoro. Via Afrodite, naturalmente, che si incrocia con via Penelope. Magna Grecia e il bosco di Policoro, ultimo frammento di foresta planiziale d’Europa. Scrive Norman Douglas, scrittore inglese: ‘Policoro ha la bellezza aggrovigliata di una palude tropicale’. Scrive Vito Fiorellini nel bellissimo ‘Il barone del bosco di Policoro’: Arrivando, colpiva il formicaio di lavoratori, quasi duecento fissi, e più di mille stagionali, quand’era tempo. Alcuni erano addetti solo a spaventare gli uccelli che aggredivano i frutti’. Spero che ci sarà il tempo di scriverne.

Policoro, comune dal 1959, la vittoria di Pirro, Heracleia. E oggi? Ben pochi, fra chi ha più di cinquant’anni, sono nati qui.

I fossi del Bosco di Policoro

Sorprese di oggi: smarriti nella macchia della riserva del Pantano. Non abbiamo raggiunto la foce del Sinni. Ma gli stagni costieri sono una meraviglia.

La tana degli arabi

Incontri di oggi: suore angolane, donne argentine, kebab italiani cucinati da uomini calabresi e donne di Policoro (La tana degli arabi, dentro invocazioni cristiane, eccellente il kebab), alcuni rumeni fuori dai ‘casalini’, le case dei lavoranti dell’antico latifondo. Ecco, la nuova Lucania, la nuova Italia.

E poi, il superbo santuario della Madonna di Anglona. Con Anita, suora angolana che è arrivata qui sei mesi fa.

I casalini

I ‘casalini’, casolari bianchi e bassi e lunghi che ‘venivano allattati col bianco di calce viva’ a ogni primavera.

Il castello del Barone

Il castello de Barone che ovviamente oggi ospita ‘il bistrot del Barone’, assicuratori, cardiologi, pizzerie, ristoranti, ditte di movimento terra. Cerco di immaginare il volto di Giulio Berlingieri, il Barone.

Gli alberi del gelso nel piccolo prato del Castello.

Alessandra

Alessandra che ci racconta, ancora una volta e con la stessa passione, del bosco di Policoro e ci aspetta al tramonto per la birra nel rifugio del wwf.

Una medusa spiaggiata, la sabbia, il mare, i ciottoli, i ponticelli di legno sui ‘chiari’ della costa.

Il mare

Vito y Juliana che, per le storie argentine, hanno acceso le braci e cucinato le carni. Un asado per cominciare il viaggio.

Vito e l’asado

Vito legge per noi Albino Pierro in dialetto, Yu-san canta ‘Parlami d’amore Mariù’ e Alessandra ha un tatuaggio nascosto sul braccio: Liù e l’impronta di un animale.

E se…

Va bene, perdonate, ora sono le 23 e quarantaquattro. Tutto questo, fra due anni, andrà riscritto.

print

4 pensieri riguardo “Lucania coast-to-coast/La tappa immobile, il bosco di Policoro

  • 18 maggio 2017 in 15:13
    Permalink

    Scrivi ancora e scrivi sempre! La tua é una scrittura incantevole che ci trasporta tutti nel luogo in cui ti trovi

    Risposta
    • 19 maggio 2017 in 21:53
      Permalink

      Non riesco, sai. A scrivere qualcosa che sia ‘importante’. Per me, intendo. Scritto troppo. Ti abbraccio

      Risposta
  • 19 maggio 2017 in 8:17
    Permalink

    Es siempre un placer recibirlos en nuestro hogar !!! ( que sea al mar on en la montaña ).

    Risposta
    • 19 maggio 2017 in 21:52
      Permalink

      Pero un dia asado en tu tierra. Me falta Argentina. Gracias…

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.