Il gioco del mondo/Una rosa è una rosa è una rosa

Per le strada di quale città

Sì, sono ancora qui. Grazie, mi avete aspettato. Le ragazzine hanno interrotto il gioco quando me ne sono andato molti giorni fa. Il tempo è passato e ho guardato senza vedere alla sera. Loro hanno atteso, come se la mia presenza fosse necessaria. Io posso solo fotografarle, anche se avrei un gran voglia di lanciare un sassolino. O una rosa. A rose is a rose is a rose, April is the cruellest month. Già, ma ora siamo ad agosto inoltrato. Michele è andato in vacanza, io ritaglio giornali e ho fatto il pieno di benzina alla macchina. Hanno chiamato gli amici. Promesse. Ma l’estate non mantiene le promesse.

Né io rispetto le regole, scrivo poesie come soli ed enormi facce di donna, ma non sono in un bar, all’aperto, in una stazione, in un parcheggio, in un’area di sosta. Sono protetto, al sicuro. Non offro il petto, davvero che sbornia. E’ bene andare a letto subito, dimenticare, sotto tetto, fa caldo, molto caldo, ma è una riserva per l’inverno. Come vorrei che rimanesse nella mia pelle, se ne va, se ne va e sfuggo i tavoli e i gradini, mi sforzo a un’ora impossibile, 00.02, tutti ti dicono l’ora, non ti lasciano senza tempo. Lasciamo stare i poeti. No questo non puoi chiedermelo. Non sono nato in Argentina, ma se il mate finisce il mondo scricchiola. Sono fritto. E l’acqua questa mattina accennava a un cambiamento.

Ho spostato giornali, mi importavano le cose senza importanza per non guardarmi più attorno, ma solo il confine del mare. Poi uno sguardo all’indietro, la ragazza è sempre lì, ha la pancia piatta e un bel culo.

Dovrò barare per riprendere un ritmo. La Maga fa giocare suo figlio con l’acqua del mare e lui, piccolo piccolo, è felice. Rimarrei ore a guardarla. La bambina lancia il suo sassolino e richiama attenzione. Da 18 a 20, dice.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.