Giri di Sud.1/Sommario insensato

Scale (Ostuni)

Se in pochi giorni, lasciati al caso

Se una notte di inverno un viaggiatore.

Detesto

Questa parola.

Non ho mai viaggiato.

Puteca (Minervino Maglie)

Se in pochi giorni

Una poeta boliviana

Un poeta napoletano

Un cantastorie che non ha casa a Peristeri

E canta in greco.

Una giovane donna che si sposa

E fa domande senza risposta

Un oste solitario

che cucina riso e gulash

Una musicologa sudtirolese

che deve scrivere

Una libraia senza un giorno di libertà

Da quindici anni

(cosa è libertà?)

Olivi (campagna di Tricase)

 

Un attore che gioca con un gatto

E spiega il caffè napoletano

I guardiani di un parco di olivi

Un muratore che dormiva in piazza Verdi e ha suonato con Bennato

E

In mezzo al mare

La setta dei nuotatori.

La vita senza jazz… (Tricase)

E poi un contrabbassista che,

per diciassette anni,

ha riparato macchine per il caffè

un’attrice che sfiora

i corpi

E aspetta Godot

Ostuni

un’oste che offre funghi, humus e cipolle marinate

un falegname con la grande barba

Buongiorno Taranto

La fabbrica

E

In mezzo al mare

Il volo dei gabbiani

I pescatori più forti del freddo.

Le pietre

I ragazzi:

non ci piace essere fotografati

La massaggiatrice che

Parla,

come in salotto,

con l’autista della corriera

Nel vento

Non è possibile raccontare tutto questo.

Io non ci sono stato.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.