‘Io mistero della speranza’

Gaetano Calabrese (2013)

Ho conosciuto Gaetano nell’estate del 2013, festival di Aliano.

Si definisce poeta errante dell’Irpinia.

Da allora non mi ha mai lasciato. Mi manda ritagli, piccole foto, poesie incollate su fogli di quaderno. Abbiamo entrambi difficoltà con la tecnologia. Ma lui ha imparato a registrare e, questa mattina, mi ha mandato un podcast (ehilà) dal titolo ‘Mammanonna 1954’.

Eccolo:

print

5 pensieri riguardo “‘Io mistero della speranza’

  • 23 Febbraio 2021 in 12:14
    Permalink

    Carissimo Andrea, fraternamente molte grazie. A presto abbracciarti, nel fattempo pensieri lunghi gravidi di speranza, sinceri, col forte desiderio di mangiare al più presto un boccone assieme. Gaetano sempre orgoglioso di te per tanti sorrisi nel♥️

    Rispondi
    • 25 Febbraio 2021 in 12:37
      Permalink

      Chissà se davvero ci rivedremo

      Rispondi
  • 26 Febbraio 2021 in 13:46
    Permalink

    Andrea caro,
    ci rivedremo amico mio! Sento così. I miei pensieri ti prediligono, la tua scrittura è magnifica: è luce iridescente. Tu sei e sarai sempre più in tanti cuori buoni, camminerai ancora in tante anime chiare per darci emozioni per autentiche riflessioni con rinnovata volontà per renderci migliori, attenti e più degni della vita.
    Il tuo cuore spalancato è un alveare, da esso partiranno ancora api solerti con i tuoi pensieri lunghi e che, con gioia, diventeranno ancora respiri di parole per custodire meglio la vita che hai saputo e sai trovare, donandoci sempre il più dolce e affettoso sorriso. A presto tuo amico sinceri, Gaetano

    Rispondi
    • 26 Febbraio 2021 in 21:23
      Permalink

      quanto è bella…. lo mistero della speranza… la primavera che arriva ‘ntolettata e le stelle sterlucienti nel cielo assincerato… ho sentito il vecchio cuore di mammanonna sui battiti del cuore innocente di Tanino.
      grazie! vi abbraccio cari Andrea e Gaetano

      Rispondi
  • 26 Febbraio 2021 in 21:12
    Permalink

    quanto è bella…. lo mistero della speranza… la primavera che arriva ‘ntolettata e le stelle sterlucienti nel cielo assincerato… ho sentito il vecchio cuore di mammanonna sui battiti del cuore innocente di Tanino.
    grazie! vi abbraccio Andrea e Gaetano

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.